Matdid: Materiale didattico di italiano per stranieri aggiornato ogni 15 giorni a cura di Roberto Tartaglione e Giulia Grassi - Scudit, Scuola d'Italiano Roma

 
  Roberto Tartaglione


ESERCIZI PER PRINCIPIANTI


Una serie di esercizi, tutti basati sulle nostre liste di frequenza del lessico elementare di base (I primi 111 verbi italiani e I primi 333 sostantivi italiani), e tutti destinati a principianti-principianti
Soluzione degli esercizi

 


LIVELLO ELEMENTARE 1

 

   

INDICI MATDID:    cronologico   |  per argomento   |   per livello   |   analitico

 


 
 
 

 

 

 

 

 

 

 
 

Dopo che abbiamo pubblicato le due liste I primi 111 verbi italiani e I primi 333 sostantivi italiani, parecchie persone ci hanno chiesto "esercizi facili" (per studenti principianti che abbiano appena cominciato a usare il presente indicativo, per intenderci) che sfruttassero quelle liste e che nello stesso tempo fossero utili a memorizzare quei lemmi così importanti per chi si accosta alla lingua.
Raramente in Matdid ci dedichiamo solo alla preparazione di esercizi (gli
insegnanti che usano i nostri materiali sono infatti bravissimi e hanno un repertorio di esercizi, giochi e materiali sempre ricchissimo) e preferiamo in genere offrire spunti per la lezione attraverso letture, illustrazioni linguistiche e grammaticali e approfondimenti culturali. Ma stavolta la richiesta ci è sembrata più che ragionevole e quindi ecco qui una serie di esercizi preparati usando esclusivamente il lessico fondamentale delle nostre due liste.


1.
Per cominciare proviamo a rispondere a queste domande per vedere se ricordiamo i nomi dei familiari:

La figlia della sorella di mia madre è...  
Mio nonno ha due figli: uno è mio padre, l'altro è...  
Mio padre e mia madre hanno due figlie femmine: una sono io, l'altra è...  
La madre di mio padre è...  
Mio figlio ha una figlia: lei è...  
Mia sorella ha un figlio: lui è ...  
Io e Marco siamo figli degli stessi genitori. Marco è...  
Mia nonna ha due figlie femmine. Una è mia zia, l'altra è...  
Nella mia famiglia ci sono solo figli unici. Chi è il figlio del figlio di mio nonno?  
La madre di mio figlio è ...  

Questo materiale è pubblicato in Matdid, www.scudit.net/mdese4beginners.htm  Scudit, Scuola d'Italiano Roma

2. E ora, da un'idea di Anthony Mollica, ecco un modo per vedere se ricordiamo i nomi dei mesi dell'anno e dei giorni della settimana: bisogna scrivere nelle caselline di colore grigio i nomi, facendo attenzione che le lettere combacino con quelle che abbiamo scritto noi:
 

              M                
              E                
              S                
              I                
                               
              D                
              E                
              L                
              L                
              '                
              A                
              N                
              N                
              O                
 
            I            
                         
            G            
            I            
            O            
            R            
            N            
            I            

Questo materiale è pubblicato in Matdid, www.scudit.net/mdese4beginners.htm  Scudit, Scuola d'Italiano Roma

3. Ora un pizzico di grammatica perché anche gli articoli sono importanti:
 

articolo     articolo     articolo  
  acqua     euro     nome
  albergo     gente     occhio
  arte     lavoro     ospedale
  auto     madre     papà
  bus     mafia     penna
  bar     mese     stazione
  birra     nazionalità     teatro

Questo materiale è pubblicato in Matdid, www.scudit.net/mdese4beginners.htm  Scudit, Scuola d'Italiano Roma

4. E se avete fatto l'esercizio sopra non vi sarà difficile fare quello qui sotto (perchè anche saper fare il plurale è importante):

singolare plurale   singolare plurale
l' aeroporto     l' inverno  
la banca     il marito  
il caffè     la medicina  
la canzone     il negozio  
la casa     la notte  
la chiave     l' orologio  
la città     la settimana  
la donna     la stagione  
il film     il tiramisù  
il giornale     l' università  
l' informazione     l' uomo  
l' insalata     lo zio  

Questo materiale è pubblicato in Matdid, www.scudit.net/mdese4beginners.htm  Scudit, Scuola d'Italiano Roma

5. Uno dei "problemacci" peggiori quando si comincia a studiare l'italiano è riconoscere il genere dei nomi che finiscono con -e. Nello schema che segue troverete 40 importantissimi sostantivi in -e. Indicate vicino a ciascuno di loro se sono di genere maschile o femminile (azzurro maschile, rosa femminile, naturalmente!). E se farete bene l'esercizio alla fine dovrete averne trovati 20 maschili e 20 femminili (be', noi siamo dmocratici):
 

  maschile femminile
animale    
attenzione    
bicchiere    
caffè    
canzone    
capitale    
carne    
chiave    
cognome    
colazione    
colore    
dottore    
errore    
estate    
fame    
gente    
giornale    
informazione    
madre    
mare    
mezzanotte    
moglie    
nave    
nazione    
nome    
notte    
ospedale    
paese    
pane    
piede    
presidente    
professore    
re    
ristorante    
sete    
signore    
stagione    
stazione    
studente    
televisione    

Questo materiale è pubblicato in Matdid, www.scudit.net/mdese4beginners.htm  Scudit, Scuola d'Italiano Roma

6. Questo invece è un esercizio che può rompere la testa: nella colonna di sinistra trovate la radice di un verbo (tra parentesi indichiamo l'infinito). Nella colonna di destra trovate tutte terminazioni del presente indicativo. Naturalmente bisogna mettere la radice nella colonna centrale, vicino alla terminazione opportuna. Sembra semplice, ma il problema è che ogni radice verbale può essere usata una sola volta (eh eh!). Quindi, per esempio, la forma DORM- teoricamente va bene vicino a -O (dormo), vicino a -I (dormi), vicino a -E (dorme), vicino a -IAMO (dormiamo), vicino a -ITE (dormite) e vicino a -ONO (dormono). E invece, per usarla una sola volta, solo una di queste soluzioni sarà quella giusta. Buon divertimento!
 

(andare) AND   - O
(cantare) CANT   - ISCO
(capire) CAP   - I
(dormire) DORM   - A
(dovere) DOV   - E
(fare) FACCI   - IAMO
(parlare) PARL   - ATE
(potere) PUO   - ETE
(vedere) VED   - ITE
(venire) VIEN   - ANO
(volere) VOGL   - ONO

Questo materiale è pubblicato in Matdid, www.scudit.net/mdese4beginners.htm  Scudit, Scuola d'Italiano Roma

7. Se siete stati così bravi da fare l'esercizio precedente, questo vi sembrerà uno scherzo. Nella prima tabella trovate dieci nomi. A fianco di ciascun nome dovete scrivere il verbo collegato (per esempio: il lavoro > lavorare). Nella colonna di destra invece dovete fare il contrario: vicino a ogni verbo scrivete il nome corrispondente (per esempio: lavorare > il lavoro). Facile sì, ma qualche problemino può saltare fuori:
 

DAL NOME AL VERBO   DAL VERBO AL NOME
l'abitante     giocare  
l' aiuto     lavorare  
l' arrivo     annoiarsi  
il bacio     pranzare  
il cantante     ritornare  
la cena     studiare  
il costo     telefonare  
la cucina     vestirsi  
la domanda     viaggiare  
l' entrata     vivere  

Questo materiale è pubblicato in Matdid, www.scudit.net/mdese4beginners.htm  Scudit, Scuola d'Italiano Roma

8. Scrivere "scrivere", nelle 6 forme del presente indicativo. Non è difficile... ma bisogna saperle...
 

                         
                         
                         
                         
                         
                         
                         
                         
                         

Questo materiale è pubblicato in Matdid, www.scudit.net/mdese4beginners.htm  Scudit, Scuola d'Italiano Roma

9. Una giornata... non particolare
Ecco qui una piccola descrizione delle azioni che si compiono in una giornata certamente non particolare. Il soggetto è sempre
"io"

Mi vesto, faccio colazione, vado al lavoro, parlo, scrivo, telefono. Alle due sono a pranzo. Quando finisco di mangiare prendo il mio motorino, torno a casa, sento il notiziario in televisone e dormo un po'.  La sera, se ho voglia, bevo qualcosa con gli amici.

Se il soggetto non è un "io", ma un "tu"... non è difficilissimo ricordare che la terminazione sarà sempre una -i. Ma attenzione ai verbi irregolari e a quel "il mio motorino"... che non sarà più "mio"

 
TU
(vestirsi) ............... (fare colazione) ................... (andare al lavoro) ........................
(parlare) ................... (scrivere) ....................... (telefonare) ...........................
Alle due (essere) ............ a pranzo. Quando (finire) ....................... di mangiare
(prendere) ......... (il mio) .............. motorino, (tornare) ................. a casa
(sentire) .................... il notiziario in televisione e (dormire) ....................... un po'.
La sera, se (avere) ................ voglia, (bere)................. qualcosa con gli amici.

Più complicata la storia se il soggetto è un "lui" o una "lei". A parte i verbi irregolari bisogna stare attenti a ricordare che la terza persona dei verbi in -are finisce con -a, mentre quella dei verbi in -ere e -ire finisce
con -e.

LUI/LEI
(vestirsi) ................ (fare colazione) .................. (andare al lavoro) .......................
(parlare) ................... (scrivere) ....................... (telefonare) ...........................
Alle due (essere) ............ a pranzo. Quando (finire) ....................... di mangiare
(prendere) ......... (il mio) .............. motorino, (tornare) ................. a casa
(sentire) .................... il notiziario in televisione e (dormire) ....................... un po'.
La sera, se (avere) ................ voglia, (bere)................. qualcosa con gli amici.

Se il soggetto è un "noi" non ci sono problemi speciali: le forme del presente finiscono sempre con -iamo

NOI
(vestirsi) ................ (fare colazione) ................. (andare al lavoro) ......................
(parlare) ................... (scrivere) ....................... (telefonare) ...........................
Alle due (essere) ............ a pranzo. Quando (finire) ....................... di mangiare
(prendere) ......... (il mio) .............. motorino, (tornare) ................. a casa
(sentire) .................... il notiziario in televisione e (dormire) ....................... un po'.
La sera, se (avere) ................ voglia, (bere)................. qualcosa con gli amici.

Se il soggetto è un "voi" bisogna stare attenti perché le terminazioni possibili sono tre: -ate, -ete, -ite.
Ma se avete un po' di orecchio non dovrebbe essere troppo difficile ricordare quale vocale usare perché sono  forme "simmetriche" con l'infinito: are/ate, ere/ete, ire/ite

VOI
(vestirsi) .................. (fare colazione) ................. (andare al lavoro) .....................
(parlare) ................... (scrivere) ....................... (telefonare) ...........................
Alle due (essere) ............ a pranzo. Quando (finire) ....................... di mangiare
(prendere) ......... (il mio) .............. motorino, (tornare) ................. a casa
(sentire) .................... il notiziario in televisione e (dormire) ....................... un
po'.
La sera, se (avere) ................ voglia, (bere)................. qualcosa con gli amici.

Quando il soggetto è un "loro" il problema è lo stesso che abbiamo già trovato nelle forme della terza persona singolare. I verbi in -are finiscono con -ano, i verbi in -ere e in -ire finiscono con -ono. Eh sì, bisogna fare attenzione!

LORO
(vestirsi) ................ (fare colazione) .................. (andare al lavoro) ......................
(parlare) ................... (scrivere) ....................... (telefonare) ...........................
Alle due (essere) ............ a pranzo. Quando (finire) ....................... di mangiare
(prendere) ......... (il mio) .............. motorino, (tornare) ................. a casa
(sentire) .................... il notiziario in televisione e (dormire) ....................... un po'.
La sera, se (avere) ................ voglia, (bere)................. qualcosa con gli amici.

Certo... potremmo finila qui. Ma un bell'esercizio di "ginnastica grammaticale" è usare tutte le persone nella stessa storia. E chi riesce a farlo con una certa velocità è proprio bravo. Vogliamo provare?

IO (vestirsi) .................. TU (fare colazione) ...................
LUI
(andare al lavoro) ....................  NOI (parlare) ...................
VOI
(scrivere) .................... LORO (telefonare) ...........................
Alle due IO(essere) ............ a pranzo. Quando TU (finire) ....................... di mangiare  LUI (prendere) ......... (il mio) .............. motorino,
NOI
(tornare) ................. a casa, VOI (sentire) .................... il notiziario in televisione e LORO (dormire) ....................... un po'.
La sera, se IO (avere) ................ voglia, TU(bere)................. qualcosa con gli amici.

Questo materiale è pubblicato in Matdid, www.scudit.net/mdese4beginners.htm  Scudit, Scuola d'Italiano Roma

 

   

 

Se avete qualche commento da fare su questo materiale o se volete segnalarci errori o imprecisioni, potete farlo attraverso il modulo qui sotto, senza dimenticare di indicare nome, cognome, indirizzo mail e IL TITOLO del materiale di questa pagina.

 

*Cognome 
*Nome 
* Nazionalità 
*E-mail    
*TITOLO MATERIALE  


COMMENTO



NB: I campi contrassegnati dall'asterisco (*) sono obbligatori.

  


Scudit Scuola d'Italiano, Via La Spezia 34 - 00182 Roma; tel +39.06.44362831; Email: info@scudit.net