Matdid: Materiale didattico di italiano per stranieri aggiornato ogni 15 giorni.
A cura di Roberto Tartaglione e Giulia Grassi

 
   

Roberto Tartaglione

L'ITALIA IN GIRO DI DO:
BENVENUTO IL LUOGO DOVE, di
GIORGIO GABER


Sei cantautori per sei Italie: Toto Cotugno, L'Italiano; Giorgio Gaber, Benvenuto il luogo dove; Francesco De Gregori, Viva l'Italia; Mino Reitano, Italia; Franco Battiato, Povera Patria e Fabri Fibra con Gianna Nannini, In Italia

 
TORNA ALLA LETTURA


 

Benvenuto il luogo dove, di Giorgio Gaber, 1984

 


Benvenuto il luogo dove
dove tutto ironia,
il luogo dove c' la vita e i vari tipi di allegria
dove si nasce, dove si vive sorridendo
dove si soffre senza dar la colpa al mondo.

Benvenuto il luogo delle confusioni
dove i conti non tornano mai,
ma non si ha paura delle contraddizioni.
Benvenuta la vita che conta solo su se stessa,
benvenuto il luogo dove tanta gente insieme non fa massa.

Benvenuto il luogo dove
non si prende niente sul serio,
dove forse c' il superfluo e non il necessario:
il luogo dove il sentire pi importante,
dove malgrado l'ignoranza tutto intelligente.

Benvenuto il luogo dove
se un tuo pensiero trova compagnia
probabilmente gi il momento di cambiare idea.
Dove fascismo e comunismo sono vecchi soprannomi per anziani,
dove neanche gli indovini pensano al domani.

Benvenuto il luogo dove
tutto calcolato e non funziona niente
e per mettersi d'accordo si ruba onestamente;
dove non c' un grande amore per lo Stato
(ci si crede poco)
e il gusto di sentirsi soli cos antico.

Benvenuto il luogo dove
forse per caso o forse per fortuna
sembra che muoia
e poi non muore mai nemmeno la Laguna.
Un luogo pieno di dialetti strani
di sentimenti quasi sconosciuti,
dove i poeti sono nati tutti a Recanati.

Benvenuto il luogo lungo e stretto con attorno il mare,
pieno di regioni,
come dovrebbero essere tutte le nazioni.
Magari un po' per non morire, un po' per celia
un luogo cos assurdo sembra proprio l'Italia.