Matdid, materiali didattici di italiano per stranieri a cura di Roberto Tartaglione e Giulia Grassi, Scuola d'Italiano Roma

 
 

Roberto Tartaglione

 

 
MEA CULPA
  

 

Le dichiarazioni di alcuni politici italiani riguardo alle loro esperienze con le droghe leggere
 

TORNA ALLA LETTURA


  
Fra i politici che ammettono di aver provato l'esperienza dello spinello (nessuno dice di aver mai sniffato cocaina) c'è un punto in comune: ognuno di loro parla di esperienze occasionali, giovanili, mai più ripetute. Viene da domandarsi: possibile che nessuno ci abbia preso gusto? 

 


Gianfranco Folena (Rifondazione Comunista): Ho provato una volta quando avevo 15 anni
Katia Bellillo (Patito dei Comunisti Italiani): Ho provato una volta sola, all'isola del Giglio, davanti a un falò, gli altri tutti a fare sceneggiate, io niente, nessun effetto, mi veniva da ridere, sono andata a dormire
Paolo Cento (Verdi): Ho fumato pochissimi spinelli
Luigi Manconi (Verdi): Ho fumato al massimo sette o otto spinelli, vent'anni fa
Grazia Francescato (Verdi) : Ho provato uno spino una volta sola, a Milano, nel '68, ma non sapevo aspirare, non sentito nulla.
Alberto Di Luca (Forza Italia): Mi hanno offerto uno spinello 25 anni fa, in Giamaica. Ho fumato tanto per dire che avevo provato anch’io
Marco Taradash (Gruppo Misto): Una volta, in un coffee-shop di Amsterdam
Tiziana  Maiolo (Forza Italia): una volta, era il '68, ma non ho inalato, ho cominciato a tossire, ridevano tutti
Francesco De Lorenzo (ex ministro della Sanità, liberale):  Nel '68, in California, con la mia signora
Lucio Colletti (Forza Italia):  Nel '71, in macchina con un mio 
allievo e sua moglie giapponese

Gloria Buffo (Democratici di Sinistra): Essere giovani negli Anni Settanta senza provare sarebbe stato come non aver mai assaggiato il vino
Gianfranco Fini (Alleanza Nazionale, promotore della legge contro la droga): Una volta in Giamaica
Ramon Mantovani (Rifondazione Comunista): Una o due volte l'anno, in casa di amici. Cocaina? Mai. Però tutti sanno che in Parlamento è abbastanza diffusa

Gianfranco Micciché (Forza Italia): Oggi non mi sentirei di 
consigliarlo a mio figlio, ma io facevo parte di una generazione che ha sfidato il conformismo anche fumando spinelli.
Carlo Giovanardi (UdC): Mai visto un deputato con l'aria da drogato
Daniele Capezzone (Partito Radicale): Ho sempre detto che se entra un cane in Parlamento il naso gli va in tilt!