Matdid, materiali didattici di italiano per stranieri a cura di Roberto Tartaglione e Giulia Grassi, Scuola d'Italiano Roma

 
 

Roberto Tartaglione e Giulia Grassi

 

IL COMPORTAMENTO

  Un tema caro a Gaber: l'essere e l'apparire
 

Livello intermedio 1

 

  TORNA AL TESTO


 
dal Recital "LibertÓ obbligatoria" di Gaber-Luporini (1976)

Mio nonno Ŕ sempre mio nonno,
Ŕ sempre Ambrogio in ogni momento,
voglio dire che non c'ha problemi di comportamento.
Mio nonno assomiglia ad Ambrogio,
l'interezza non Ŕ il mio forte,
per essere a mio agio
ho bisogno di una parte.

Per esempio quando sto in campagna
ed accendo il fuoco nel camino,
lentamente raccolgo la legna
e mi muovo come un contadino.
Quando in treno incontro una donna
io mi invento serio e riservato,
faccio quello che parla poco
ma c'ha dietro tutto un passato.

E se mi viene bene, se la parte mi funziona
allora mi sembra di essere una persona.

Qualche volta metto il mio giaccone
grigio-verde tipo guerrigliero
me lo metto e ci aggiusto il mio corpo
e giÓ che ci sono anche il mio pensiero.
Quando invece sto leggendo Hegel,
mi concentro sono tutto preso,
non da Hegel, naturalmente,
ma dal mio fascino di studioso.

E se mi viene bene, se la parte mi funziona
allora mi sembra di essere una persona.

Mio nonno si Ŕ scelto una parte
e non cambia in ogni momento,
voglio dire che c'ha un solo comportamento.
Io invece ho sempre bisogno
di una nuova definizione
e gli altri fanno lo stesso,
Ŕ una tacita convenzione!

Ma da oggi ho voglia di gridare
che non sono stato mai me stesso!
E dichiaro senza pudore
che io recito come un fesso!

E se mi viene bene, se la parte mi funziona
allora mi sembra di essere una persona.

Se un giorno noi cercassimo chi siamo veramente
ho il sospetto che non troveremmo niente...